X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

Le tecnologie di lettura dei documenti di riconoscimento

L’evoluzione tecnologia permette un maggior rigore in modo meno invasivo

Sia per la gestione delle presenze che per il controllo accessi, uno dei punti critici in termini tecnologici è la lettura del documento di riconoscimento personale.


Il supporto utilizzato per i documenti elettronici è la tessera plastica, che può funzionare con diverse tecnologie di lettura dei dati.


  1. La più comune è la lettura della banda magnetica, che avviene strisciando la carta all’interno di una feritoia nel dispositivo. La comunicazione è unidirezionale, in quanto le informazioni registrate magneticamente vengono lette, ma non ne vengono scritte. Si può comunque riconoscere la direzione in cui lo strisciamento viene effettuato, per distinguere le entrate dalle uscite.
  2. Sempre più frequentemente, viene adottata la tecnologia a radiofrequenza (RFID). Questa modalità di lettura è detta “contactless” (letteralmente “senza contatti”), perché non è necessario il contatto fisico del documento con il terminale.

In quest'ultimo caso, la carta non deve essere inserita in una feritoia, ma solo avvicinata alle antenne del dispositivo di lettura, che riesce a ricevere una risposta dell’antenna del documento, attivata per induttanza. In questo modo, si può attivare il terminale senza estrarre la tessera da un’eventuale custodia, o appoggiando direttamente il portafogli o la tasca della giacca al terminale, rendendo più veloce e agevole la rilevazione.


La tecnologia a radiofrequenza, in particolare, può essere implementata in due varianti:

  • RFID 125 KHz, che è una tecnologia di sola lettura, in cui l’antenna del dispositivo riesce solo a ricevere una risposta dal circuito della tessera, senza poter memorizzare dei dati sulla stessa;
  • RFID MIFARE, che, grazie all’induttanza generata dall’antenna, riesce ad alimentare la tessera con una potenza sufficiente a memorizzare dati al suo interno.
Richiedi info